considerazioni di un (fortunato) ex-dipendente

Quelli che descriverò di seguito sono fatti… con qualche considerazione personale…

Circa 3 anni fà il Gruppo Coin acquisisce la Upim srl, ormai da tempo in forte difficoltà, presentandosi come il “salvatore”. In realtà Upim, azienda storica italiana fondata nel 1928 con prima sede a Verona, viene sistematicamente smantellata: nel giro di un paio d’anni è sostanzialmente cancellata dal mosaico del commercio italiano.

I motivi di questo vero e proprio accanimento sono oscuri, vistio che le due società hanno sempre avuto target di clientela molto diversi. Probabilmente Upim, essendo una società più vecchia, aveva sedi più prestigiose, ed erano quelle a far gola a Coin… Non ci sono altre spiegazioni valide…

Nel frattempo il Gruppo Coin continua nelle sue acquisizioni di gruppi e società minori che sono anch’esse in difficoltà, mascherando così i suoi bilanci fortemente in passivo.

Inoltre la quasi totalità delle azioni di controllo vengono vendute ad una multinazionale straniera: il Gruppo Coin non è più una società italiana!

Notizia fresca fresca: anche la sede storica della Upim, Verona, verrà definitivamente chiusa e sostituita da un Coin Excelsior, taglio di negozio per clientela di fascia molto alta.

Considerazione personale: sono sempre stato scettico su un’operazione del genere, soprattutto per il fatto che non è mai, a mio avviso,  stata adeguatamente considerata la clientela potenziale di quel tipo di negozio nella città di Verona.

Altra considerazione personale: come è ben noto a dipendenti, ex-dipendenti, loro familiari e conoscenti, dal punto di vista della gesione del personale il Gruppo Coin si annovera fra le maggiori merde che ci siano, insieme a molti altri che potrei citare.

Infatti le alternative per il personale saranno trasferimenti in location difficoltose, oppure buonaa uscita (immagino ridicola) e mobilità, ma nessuno rimarra nell’Excelsior… l’attuale personale di Upim Verona è troppo out per un posto da cagacazzi!

Tutto questo solo per dire che sono un felice e fortunato ex-dipendente del Gruppo Coin, e lo sottolineo con orgoglio e soddisfazione.

p.s.

aggiungo un link ad un pdf che a linee generali c’azzecca anche con queste situazioni:

http://thule-italia.com/wordpress/wp-content/uploads/downloads/2011/04/Programma-di-Transizione.pdf

considerazioni di un (fortunato) ex-dipendenteultima modifica: 2012-09-08T20:12:41+00:00da alghul
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento